Nuovi sentieri per la pastorale giovanile

Nuovi sentieri per la pastorale giovanile

Verso il Sinodo dei Vescovi sui giovani

Nella nostra società occidentale è facile non aver fiducia nei giovani che respirano una cultura condizionata dai moltissimi “ismi” come consumismo, materialismo e secolarismo. Per noi religiosi può essere una vera tentazione voler raddrizzare la “strada storta” con la nostra ortodossia, come si è fatto per molti anni. Lo abbiamo fatto con amore profondo, con grande zelo e insieme alle nostre Chiese locali. Ma ora dobbiamo chiederci: lavoriamo davvero per preparare il loro viaggio nella fede o, piuttosto, per la nostra sicurezza? Negli Stati Uniti stiamo vivendo la s da di dover umilmente riconoscere che la nostra Chiesa ha investito molto in programmi formativi religiosi inef caci. Dobbiamo ammettere che il cammino percorso negli ultimi anni non è più adeguato al mondo di oggi. Oggi i giovani desiderano realtà profonde, mostrano passione per i valori etici e curiosità teologica ed esprimono questa ricerca del trascendente con stili e in luoghi insoliti, resistendo a tutto ciò che sa di arcaico e di dottrinale. Il futuro della fede non sarà più come nel passato. Una buona musica può essere più ef cace di tante belle omelie. Tutto questo richiederà una revisione del come la Chiesa sceglierà di essere presente nell’esperienza giovanile. Il Sinodo sarà un orizzonte aperto.